Una 17^ giornata ricca di sorprese


Scende il sipario sulla seconda giornata del giorne di ritorno, sette partite disputate (rinviata per Covid Faenza-Rimini) e tante sorprese.


Basti pensare che delle prime otto della classe hanno vinto solo in due: Imola, che ha fermato la capolista Roseto 64-52 (gli abruzzesi non perdevano da tre mesi) e Senigallia, che con un ultimo quarto perfetto hanno rimontato e battuto la seconda forza del campionato, la NPC Rieti.


Brusco stop per la Sebastiani Rieti che in casa contro Cesena raggiunge in extremis l'overtime per poi crollare e perdere 77-90; al palo anche Ancona, sconfitta a Teramo 59-54, ed Ozzano, fermata a Roma da una tenace Luiss 74-66. Questi ultimi risultati, insieme al successo di Jesi a Giulianova 80-83, accordiano di fatto la classifica fra la zona play-off, salvezza e primi posti della zona play-out.


Nel match salvezza, nonchè derby, fra Montegranato e Civitanova i gialloblu hanno vinto con autorità, (77-53), un +24 che ribalta il match dell'andata costringendo la Virtus all'ultimo posto in classifica.